Lettere Al Futuro

8 gennaio 2008

difficile

Filed under: Lettere — factum2 @ 10:44

E’ difficile
scrivere in una lettera
quello che non ti ho detto

Ce ne sarebbero di cose
di tempo non dato
di errori fatti

E’ successo,
per mia sorella
mio padre scrisse una lettera

Quando le parole
non bastavano
e la realtà chiedeva molto

Scrisse, io
e le mie sorelle
leggemmo

Si vedeva il cuore
in quelle frasi
il desiderio che nulla vada perso

Noi che leggevamo
le conoscevamo già
anche se non erano state pronunciate

Quelle frasi erano con noi
da anni
da quando siamo stati voluti

Conoscevamo quell’uomo
meglio di lui
che scriveva

E’ difficile scriverti adesso
mi conosci
anche se parlo poco

E’ necessario però che ti scriva
per te
per me

Per lo stesso dono:
il tuo essere figlia
e il mio essere padre

Annunci

9 commenti »

  1. Credo che ad ogni padre sia necessario scrivere ad un figlio e non solo per la qualità terapeutica della scrittura, ma perchè ad un padre per sua natura e per il suo ruolo, sia negata la possibilità a quel rapporto viscerale che molto spesso accompagna madre e figlio.
    La terapia aiuta anche i figli a confermare nel loro animo il “dolce sospetto” di essere amati, cosa che fa della loro infanzia un periodo straordinario e non invece un sogno tradito da dimenticare.
    Amare ed essere amati è una straordinaria medicina, mai tralasciare di dirlo, mai scordarsi la nostra condizione umana. Il tempo che ci è dato è poco, non sprechiamolo.
    Rossaura

    Commento di rossaura — 8 gennaio 2008 @ 11:25 | Rispondi

  2. Nulla da aggiungere al commento di Rossaura.
    Solo complimenti di cuore.
    Mister X di COmicomix

    Commento di Comicomix — 8 gennaio 2008 @ 12:03 | Rispondi

  3. Rossaura
    La realtà chiedeva molto in quel momento, e le parole non bastavano, è vero che bisogna dirsi che ci si vuole bene ma questo passa anche nei comportamenti, nel linguaggio non-verbale, nelle attenzioni direi sopratutto nello sguardo.
    E sicuramente i figli ci conoscono meglio di chiunque in fondo convivono con noi per parecchi anni…

    Commento di factum2 — 8 gennaio 2008 @ 13:26 | Rispondi

  4. Non c’è nulla di più grande per un figlio di un padre che gli dimostri che ha voglia di parlare con lui e magari di ascoltarlo. Anche se non fosse capace di lasciare una riga sul foglio e un parola nel tratto di vuoto che li separa..

    Commento di Una Persona Intorno — 8 gennaio 2008 @ 20:58 | Rispondi

  5. Non è scontato che i figli ci conoscano perchè vivono con noi!
    E’bello ricevere una lettera, tra genitori e figli, anche se si sta tutti insieme, è una cosa che resta . . . ci si può “attaccare” per ricordarci che c’è stato un momento in cui “quelle” parole sono state pensate . . .!
    Si può “ricreare” un rapporto persino con i messaggini al telefono . . . o con un blog! 🙂
    I figli, che tengono un diario e lo lasciano “inavvertitamente ” sul letto aperto . . . non cercano di dirci qualcosa?
    Fine della filosofia spicciola, baci e a presto . . . R

    Commento di Rosangela — 8 gennaio 2008 @ 22:56 | Rispondi

  6. Ros
    non è scontato ma prova a pensarci, è verosimile, una figlia con diciottoanni di convivenza con i genitori un giudizio su di loro se lo sarà fatto. L’idea comunque non è mia è venuta fuori in alcuni incontri con psicologi nell’ambito di famiglie che accolgono figli in affido o in adozione. E’ frutto dell’esperienza.

    Upi
    penso proprio che sia una cosa grande!

    Commento di factum2 — 8 gennaio 2008 @ 23:45 | Rispondi

  7. Ubi major . . .! 🙂
    Ma a volte i figli si fanno un idea di te piena di preconcetti . . . di idee loro o di come hanno sentito gli amici raccontare delle reazioni dei loro genitori . . . Hai presente il figlio prodigo?
    Se ci si vede, ne potremo parlare, così mi spieghi i tuoi psigologi, quelli che ho conosciuto io, non dico che hanno fatto danni, ma quasi!
    Ciao, R

    Commento di Rosangela — 9 gennaio 2008 @ 11:06 | Rispondi

  8. Grande!!!!

    Commento di nihilalieno — 9 gennaio 2008 @ 14:32 | Rispondi

  9. Reazioni della figliola alla lettura?
    🙂

    Commento di Cuoredipizza — 10 gennaio 2008 @ 12:10 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: