Lettere Al Futuro

14 gennaio 2008

Un sorriso per un anno – Il topolino rosa

Filed under: Lettere — rossaurashani @ 12:51

Cara piccola Irene, non credo ricorderai i giorni convulsi della tua nascita, io li ricordo bene perchè ero la tua zia, anzi una delle zie, ma quella che ti aspettava con tanto amore come se tu fossi la mia bambina.

Non si capiva perchè per nascere si era fermato il tuo cuore, non si interpretava perchè dopo che eri tornata in vita, facevi  tanta fatica a nutrirti, a crescere a respirare il mondo.

I medici dicevano, è nata post-matura, si riprenderà…… ma tu spalancavi i tuoi dolci occhi di cerbiatta e annaspavi….. piccola mia che dolore vederti combattere con quello che allora non si sapeva e che i medici non avevano saputo diagnosticare.

Passarono tre mesi e tu non eri cresciuta neanche un grammo, quando aiutavo tua mamma a farti il bagnetto mi impressionava il tuo corpicino tormentato. “Questa bambina non sta bene!” dicevo sconsolata, ma cercavo di non spaventare tua mamma che già era preoccupata. “Senti portiamola dal pediatra che segue il mio bambino, mi sembra bravo, è coscienzioso, ci darà delle risposte precise …..” Fu così che scoprimmo che eri nata con una grave malformazione cardiaca e che la tua vita era legata a un sottile filo rosso , alla capacità di un grande medico e alla forza delle tue risorse.

Fosti operata da un bravo chirurgo che riuscì a ridarti la vita, anche se moltissimo l’hai fatto tu con il tuo coraggio,  la determinazione e la tua straordinaria voglia di vivere. Eri piccola sì, ma tenace e così tenacemente ti ripresentasti a noi sfinita, ma finalmente viva.

Quel giorno portai all’ospedale un piccolo topolino rosa con una lunga codina  rossa, era il mio dono per la tua riconquistata salute, tu lo guardasti e poi posasti i tuoi occhi su di me,  fu uno sguardo indimenticabile, quello sguardo da cerbiatta che hai ancora oggi, ma quanto amore si poteva leggere e  per la prima volta mi offristi il più bel sorriso che io abbia mai potuto ricevere. Quel sorriso mi è rimasto nel cuore e ancora oggi mi fa emozionare.

Oggi Pinky il tuo topolino rosa è l’unica cosa che ti porti ancora appresso dalla tua infanzia, ormai sei una donna di 21 anni che possiede un topolino (lebbroso) rosa con una codina sfilacciata rossa. Ti ha seguito nelle tue piccole avventure di bambina, ed oggi in quelle di  bellissima ragazza che sei. Quel topolino e quel sorriso restano indimenticati nel tuo e nel mio cuore, legati indissolubilmente a quel giorno di sole dove ci siamo viste veramente per la prima volta……… quanta tenerezza quando dici: “Il mio Pinky….” e quanto amore quando io dico: “La mia Irene….”

Zia …….

Annunci

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.