Lettere Al Futuro

18 gennaio 2008

I ragazzi che si amano

Filed under: Poesie — rossaurashani @ 13:15

Quante volte l’abbiamo fatto, quante volte li abbiamo visti…… ora, che non è più il mio tempo, li guardo e non provo invidia, ma solo tenerezza, penso alla dolcezza, ai sogni, alle illusioni che li accompagnano, all’impossibilità di raggiungerli, penso al loro diritto all’amore, al loro dovere di amare, penso al loro futuro……..


I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto
Che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia e il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell’abbagliante splendore del loro primo amore.


Jacques Prèvert

Annunci

16 commenti »

  1. I ragazzi che si amano si baciano in piedi contro le porte della notte….
    e io che li vedo ricordo le “mie” porte e mi fermerei a dirgli “Amatevi ora, amatevi fino all’ultima goccia del vostro amore perchè quando amerete da uomini e donne e non più da ragazzi questo amore lo ricorderete con malinconia, con un sorriso e magari una lacrima.. perchè quando amerete da uomini e donne difficilmente vi bacerete in piedi contro le porte della notte!” ^_^
    Che bei ricordi Ross… ^_^ se riuscissi a ricordare come amavo alla lora età… ^_^
    Un abbraccio, Lisa

    Commento di lisa72 — 18 gennaio 2008 @ 13:25 | Rispondi

  2. Cara lisa, penso che ti ricordi troppo bene invece…. come lo ricordo io, provando lo stesso sfarfallio nello stomaco e formicolio nel corpo. Ma sono cose passate, ormai non vengono più, almeno per me, questa è la vita ed è giusto che sia così. Come apprezzerebbero questo tempo se sapessero quanto è breve e unico.
    Ora come ho detto quando li vedo mi scaldano il cuore, certo c’è anche una lacrimuccia di nostalgia, ma sono umana perdinci…..:-)

    Commento di rossaurashani — 18 gennaio 2008 @ 13:48 | Rispondi

  3. Prevert è uno dei miei preferiti.
    Detto questo, anch’io ho una grande nostalgia (benevola, nessuna invidia..) per quel tempo magnifico dell’incanto amoroso. Oggi, che sono un po’ lontanto da quei tempi, e da tutto, guardo nello specchio degli occhi delle persone che amo di più (le mie figlie) e rivedo quell’infinito stupore.
    E’ bellissimo l’amore
    E, tutto sommato, con i miei acciacchi dell’anima e del corpo, ancora riesco, per un momento, chiudendo gli occhi nel buoi, a rivvere alcuni spruzzi di quelle emozioni.
    E, direbbe un altro grandissimo, “il naufragar m’è dolce, in questo mare…”
    Un sorriso nostalgico
    Mister X di COmicomix

    Commento di Comicomix — 18 gennaio 2008 @ 16:07 | Rispondi

  4. Che bello questo post…
    Sarà perchè siamo giovani noi due, ma viviamo ancora così… come avete descritto… Siamo insieme da quasi quattro anni, certo per voi potrebbe sembrare poco, ma per una 24enne e un 29enne non sono pochi, e viviamo ogni giorno con il batticuore al sentire la voce dell’altro..
    A me batte il cuore quando vedo il suo nome comparire sul cellulare e quando sento il campanello suonare.. e lui si scioglie quando mi vede uscire dal portone.. e il sorriso è sempre quello imbambolato del primo giorno, nonostante abbiamo un rapporto estremamente maturo..
    Se l’amore è questo, ci metto la firma:)
    Sara

    Commento di unblogindue — 18 gennaio 2008 @ 23:32 | Rispondi

  5. Non sono pochi, Sara. Il batticuore dopo 4 anni è una cosa così dolce e rara…

    Commento di marisauno — 19 gennaio 2008 @ 00:03 | Rispondi

  6. Pensare che sono emozioni che non h mai provato, e che alle mie veneranda età, sono ancora alla ricerca del “tempo perduto” … gioisco per loro, ma ho tanta malinconia dentro.
    Non si può rubare l’infanzia, l’adolescenza, la vita di una persona …
    Scusate lo sfogo
    Notte

    Commento di Giuseppina — 20 gennaio 2008 @ 01:11 | Rispondi

  7. @ Giuseppina
    E’ terribile quello che stai dicendo. Ma com’è possibile che anche tu non abbia avuto almeno un piccolo spiraglio di sole, oppure che tu non abbia sentito il profumo della notte.
    Se qualcuno o qualcosa ti ha rubato l’infanzia, se ti hanno rubato la vita, devi gridare forte, devi sfogare la tua rabbia, forse non servirà a nulla, tu comunque non avrai il tuo pezzetto di felicità, ma almeno qualcuno ti sentirà e starà ad ascoltarti e condividerà con te questa terribile storia.
    Io sono qui e qui ci sono molte persone pronte ad ascoltarti.
    Un abbraccio
    Ross

    Commento di Rossaura — 20 gennaio 2008 @ 10:11 | Rispondi

  8. Grazie Ross, sei gentilissima e dolcissima. Se ti va, fai un giro sul mio blog, dietro le righe, oltre le righe, potrai capire il perchè. Sono una donna amareggiata, ferita, delusa, triste.
    Non cerco compassione o commiserazione, rispetto “almeno” …
    Grazie per avermi risposto.
    Buona domenica
    Giuseppina

    Commento di Giuseppina — 20 gennaio 2008 @ 15:40 | Rispondi

  9. Ciao Giuseppina,
    aspettavo che ti rispondesse Rossaura. Ma il tuo breve sfogo denso e molto espressivo, non è caduto nel nulla. Io lo farò un giro sul tuo blog. Per conoscerti e, come dice Rossaura, per condividere.
    Un abbraccio anche da parte mia.
    Abdita

    Commento di abdita — 21 gennaio 2008 @ 23:25 | Rispondi

  10. @ adbita
    in effetti sono entrata nel blog di Giuseppina, e ho potuto notare una grande sofferenza, mi sono astenuta dal trarre conclusioni, perchè di sensazioni me ne sono venute molte, ma non credo di aver diritto di supporre senza che lei stessa mi inviti a farlo. Spero solo che se avesse bisogno di aiuto, si ricordi che qui potrebbe trovare anche delle amiche.
    Per aiutare bisogna rivolgersi a chi vuole essere aiutato….
    Con amicizia
    Ross

    Commento di Rossaura — 21 gennaio 2008 @ 23:53 | Rispondi

  11. @ Rossaura – commento n°10:
    Ho usato questa sigletta per seguire il consiglio di Sara e rispondere a un commento preciso. Potrebbe andare?

    Sono pienamente d’accordo con te. Non si può giudicare una situazione che non si conosce a fondo. Comunque qui ci sono persone come te che hanno più esperienza di me e potrebbero essere davvero di aiuto a qualcuno.
    Io posso solo condividere, da amica, e se non posso fare altro almeno dire: ti ascolto.
    Buona giornata!
    Abdita

    Commento di abdita — 22 gennaio 2008 @ 09:23 | Rispondi

  12. Ciao Ross, grazie di essere passata 🙂
    Leggo nelle tue parole, tanta solidarietà e comprensione.
    Parla pure delle tue impressioni, so e sento che mi “aiuterai” …
    Grazie per il rinnovato invito. Mi trovo bene con voi 🙂
    Una buona giornata a tutti voi
    Giuseppina

    Commento di Giuseppina — 22 gennaio 2008 @ 12:15 | Rispondi

  13. @ Giuseppina
    Credo di aver compreso che una parte del tuo dolore viene da molto lontano e leggendo le cose che presenti nel tuo sito riguarda la tua infanzia. Non so di cosa si tratta e penso che un giorno forse sentirai anche tu benefica l’azione della parola e dello sfogo,”eviscerare” forse è il termine più adatto. Credo che parlare di se agli “altri” costa lacrime di sangue, ma rende tutto più facile e più leggibile a te stessa, la presenza degli altri è solo casuale.
    Mi pare di capire che hai avuto una cattiva esperienza come madre affidataria, credo sia una scelta difficile e non sempre fortunata, ma meritevole di encomio. Molti non si prendono neanche un gattino in casa, perchè hanno paura di perderlo e pertanto di soffrire, pensa un bambino in affido…
    Il mondo funziona strano e a volte le cose che ti vengono negate le devi rubare , che di per sè non è un bel gesto, tutti dovrebbero avere la loro quota di felicità. Può anche essere che sia tu a non aver avuto coraggio di prenderti la tua felicità, allora proverai rancore verso te stessa o un qualsiasi altro capro espiatorio. Il mio consiglio, se una persona ha paura, e quella di tuffarsi dentro, in genere si nuota e quasi mai si soccombe, d’altronde cge vita è senza il rischio.
    Spero di non averti deluso 🙂
    Un abbaccio
    Rocc

    Commento di rossaura — 22 gennaio 2008 @ 17:04 | Rispondi

  14. Ciao. Grazie per avermi risposto 🙂
    Delusa? Assolutamente no! sono altre le cose che potrebbero deludermi …
    Hai fatto una descrizione giusta e molto “discreta” :-)).
    Ho cercato di “rubare” quella felicità mai avuta, ma anche li, ho sbagliato ancora nella scelta?, o ferita ancora una volta dall’uomo sbagliato. Ora, sto bene, mi sono rassegnata alla mia vita, non anelo più (come la barca di Gray) a prendere il largo, ma rimango qui, arenata in un porto, basta con le vele spiegate. Forse ne ho paura :))
    Ciao e buona giornata
    Giuseppina

    Commento di Giuseppina — 23 gennaio 2008 @ 09:43 | Rispondi

  15. penso ke la vita è una merda..ke gli amici sn capaci sl ad usarti..e a prendersi gioco d te..penso ke ho dato e fatto trppo a loro..e adesso mi hanno lasciata sola..sola nella mia più grande disprazione, ola in un momento in cui avevo bisogno di sentirmi apprezzata..solo senza un perchè. Penso ke qste persone debbano passre qll ke sto passando io e nn xkè li odio…l odio è una cosa troppo grande..ma xkè credo di essere arrivata a un punto dlla mia vita incui dico BASTA a dare fiducia, basta a credere a qualcuno, basta ai rapporti ke si rivelano solo falsi… l’ipocrisia nn è mai troppa..e io oggi mi ritrovo qui, ancora una volta delusa da coloro ke kiamavo AMICI..da coloro ke ora mi hanno voltato le spalle..e tt qsto..ripeto..senza un motivo.

    Commento di Federica89 — 21 luglio 2008 @ 19:12 | Rispondi

  16. @ Federica

    Come puoi parlare così alla tua magnifica età?….. pensaci bene Federica, hai il futuro davanti a te, puoi qualsiasi cosa e anche se qualcuno ti ha ferita anche se hanno tradito i tuoi sentimenti, la tua fiducia, tu puoi dimenticare, diventare più forte, più matura, diventare fortissima e bellissima, senza mettere in crisi tutto il tuo mondo.
    Hai una vita davanti a te, non farti cambiare dagli altri, cambia tu tutti quelli che ti circondano, riempili di luce, di gioia. Fai del sorriso la tua forza, nessuno si dimenticherà più di te, entrerai nei loro cuori, sarai un punto di riferimento, una sicurezza.
    Sai, non vale la pena trasformarsi in una persona amara, non vale proprio farsi vincere dalla tristezza, chissà quante cose puoi fare hai talmente tanto tempo davanti a te….
    Chi ti ha voltato le spalle forse non sa chi sei davvero, forse crede di essere migliore, che per lui non venga mai in tempo dei bilanci, ma sarà sicuramente più povero senza di te, è lui o lei che perde, non tu.
    Vai avanti, supera e trovati un altro angolo nella notte, sparisci un pò con qualcuno che vuole dividere con te un pò di tenerezza e poi non scordarti mai di tornare, perchè anche qui la vita è bellissima.
    Con comprensione e affetto Ross

    Commento di rossaura — 21 luglio 2008 @ 21:16 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: