Lettere Al Futuro

24 gennaio 2008

27 gennaio 2008 giornata della memoria – per non dimenticare la Shoah

Filed under: SalaLetture — adriano49 @ 14:33

Molti sono i libri che, drammaticamente o con poesia ricordano il dramma del popolo Ebraico degli anni della seconda guerra mondiale, tristi e drammatiche testimonianze per i posteri, per non dimenticare quanto di orribile il genere umano possa esercitare con atrocita inumane verso un altro popolo, solo perchè non della stessa religione o pensiero. Tra i tanti voglio segnalare quello di Bassani, volto noto della letteratura italiana , scrittore di capolavori rimasti nella mente e nei cuori italiani.

Una lapide in via Mazzini

racconto di GIORGIO BASSANI tratto da Dentro le mura Il romanzo di Ferrara

L’autore

Giorgio Bassani è nato a Bologna nel 1916 da una famiglia ferrarese. Tra i suoi libri più famosi ricordiamo: Cinque storie ferraresi, Il giardino dei Finzi Contini, Il romanzo di Ferrara.

La storia

Il libro parla di un giovane operaio, che, nell’agosto del 1945, sta murando una lapide con incisi i nomi degli ebrei deportati. Ad un tratto l’operaio si sente chiamare da un uomo piuttosto strano, molto grasso, vestito di stracci e con un colbacco in testa e si scusa di dover correggere quello che è scritto sulla lapide. Questo perché tra i nomi c’è il suo, ma lui, Geo, è vivo, anche se ha sopportato due anni di Lager ed è l’unico sopravvissuto della sua famiglia. Finalmente è approdato alla città di origine dopo una lunga peregrinazione attraverso l’Europa. Ora torna nel suo palazzo, riprende i vecchi vestiti e ricomincia a passeggiare per Ferrara, guardando con occhi ironici i suoi concittadini. Non vuole parlare con nessuno, in particolare lo disturba il fatto che molti si siano lasciati crescere la barba “da partigiano” per mascherare il loro passato di fascisti. Quello che vorrebbe Geo, anche se nessuno lo capisce, è che Ferrara fosse la stessa della sua adolescenza, come se in questo modo fosse possibile riempire quegli anni atroci, a cui è sopravvissuto per miracolo. Arrivata la primavera, tutto torna come prima e ricompare il Conte Scocca, famoso filonazista. Geo lo incontra, Scocca gli parla e Geo gli dà due schiaffi. Da questo momento Geo cambia. Ormai è dimagrito, con i capelli diventati bianchi, riprende i vestiti da ex deportato ed inizia a raccontare le vicende del Lager: la morte per sfinimento del padre, il saluto della madre prima di essere portata via, la “selezione” del fratello minore. Per convincerlo a cercare di dimenticare quella brutta esperienza, ormai ci vuole ben altro che un giaccone di cuoio. Per più di un anno Geo gira per Ferrara con la testa nuovamente rasata e ormai in città tutti lo prendono per matto. Nella primavera del 1948 Geo sparisce e gli interrogativi sono molti: nessuno a Ferrara riesce a capire. Forse per spiegare tutto questo bisogna ripensare all’episodio con Lionello Scocca: Geo aveva dato due schiaffi, che erano stati la sua risposta alle domande insistenti se pure di cortesia del conte. Ma a quelle domande avrebbe potuto rispondere un urlo così alto che tutta la città l’avrebbe udito con orrore.

Annunci

3 commenti »

  1. Consiglierei ad ogni persona di cultura interessata anche alla rappresentazione iconografica della shoah di vedere “L’uomo del banco dei pegni” film di Sidney Lumet del 1965. Un ebreo reduce dal campo di concentramento dove perde moglie e figli, si trasferisce in America, gestisce un banco dei pegni, trattando chi lo circonda come se il suo cuore si fosse disseccato e avesse perduto ogni spiraglio di umanità. L’unico a fare breccia un suo aiutante, che finisce morendo tra le sue braccia dopo aver tentato di rapinare il banco stesso. Il film si sviluppa su due livelli di narrazione, uno la vita di oggi, l’altro i ricordi del personale olocausto dell’uomo. L’immagine che rimane e si incide profondamente negli occhi e il grido muto dell’uomo di oggi di fronte al ragazzo morente, sintesi del dolore immenso di una vita.

    Commento di rossaurashani — 24 gennaio 2008 @ 19:46 | Rispondi

  2. Un bellissimo racconto di uno dei grandi della nostra letteratura.
    Grazie di averci ricordato questo piccolo capolavoro.
    L’incredibile vicenda di molti sopravvissuti e dei loro “sensi di colpa” per avercela fatta.
    Un po’ commosso, ti saluto.
    Mister X di Comicomix

    Commento di Comicomix — 25 gennaio 2008 @ 16:58 | Rispondi

  3. Sei una persona che è un piacere immenso aver conosciuto anche solo virtualmente perchè i tuoi commenti, i tuoi argomenti sono sempre spunto di riflessione, sono sempre un dono per l’animo e la mente, per capire, ricordare e trasmettere!
    Un abbraccio ad un Uomo che mi sarebbe piaciuto avere come nonno! Lisa

    Commento di lisa72 — 25 gennaio 2008 @ 18:38 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: