Lettere Al Futuro

18 febbraio 2008

IL DOLORE DEL NEONATO

Filed under: PuntoD'Incontro — violainevercors @ 16:49

Qualche anno fa lessi con commozione un libro del neonatologo, Carlo Bellieni, L’alba dell’io  e mi commosse profondamente lo scoprire che il bimbo, quando è nel seno materno a partire da poche settimane di vita, comincia a percepire il dolore. Nel dibattito attuale particolarmente acceso sul diritto al concepito di venire alla luce si dimentica o si omette questo fatto tragico: che il bimbo prova sofferenza.


Oggi leggo nel blog di Bellieni  di un interessante articolo da lui scritto sul dolore del neonato: ne riporto le battute iniziali.

Il dolore del neonato 

Il rapporto del neonato con il dolore è estremamente particolare e articolato, dato che sappiamo bene che:1. il neonato sente il dolore in modo più intenso che l’adulto2. il neonato non può esprimere verbalmente le sue necessità e sensazioni3. il neonato ospedalizzato va incontro ad un’alta serie di interventi potenzialmente dolorosi

4. abbiamo a disposizione efficaci strumenti farmacologici e procedure analgesiche per combattere il dolore. Per una rassegna completa ci si può rifare alla recente pubblicazione edita a cura del Gruppo di Studio sul dolore della Società Italiana di Neonatologia1

Curare il dolore

Purtroppo e inspiegabilmente il dolore neonatale è ancora non adeguatamente trattato2; simili risultati vengono anche da una nostra recente indagine italiana3 e da lavori australiani4. Ci si domanda perché il dolore del neonato sia così poco considerato e abbiamo cercato di dare una risposta, che considera vari punti.

1. La stessa definizione della parola “dolore” non si addice al piccolo paziente. Infatti la IASP (Associazione Internazionale per lo Studio del Dolore) ne ha fissato una definizione che lega la sensazione di dolore alla capacità del paziente di esplicitarlo e di esserne cosciente: questo crea diversi problemi nella sua applicazione al neonato5. Inoltre è difficile poter valutare oggettivamente il dolore mediante scale di misurazione, come avviene nell’adulto: attualmente per il neonato ne esistono oltre 30, ma ancora non si è arrivati ad avere il cosiddetto “golden standard”

2. Confusione tra “dolore” e “sofferenza”: si pensa che i due termini siano un tutt’uno e invece non si distinguono in maniera corretta, con conseguenze spiacevoli, dato che i farmaci analgesici hanno effetto nel primo caso, mentre nel caso di una sofferenza psicologica, da isolamento, delusione ecc. non hanno motivo di essere impiegati. Inoltre, anche il dolore fisico, se non viene approcciato tenendo conto del carico di sofferenza che esso porta con sé, non verrà mai trattato in modo soddisfacente

3. Medicina difensiva6-9: si tratta della tendenza a moltiplicare gli esami che si fanno ad un paziente per evitare il rischio di conseguenze legali, così da poter prevenire ogni possibile lamentela o rivalsa per una possibile trascuratezza, anche se di questi esami (o ricoveri) non c’è stretto e impellente bisogno. È un fenomeno ben descritto in letteratura, che ha un rovescio della medaglia: il rischio che dove non ci sia la possibilità di un contenzioso legale, non ci sia nemmeno un alto livello di attenzione. Un esempio di questo è la cura del dolore nel neonato: difficilmente qualcuno verrà accusato di aver provocato al neonato un dolore non necessario, come invece potrebbe succedere in un adulto (pensiamo al dentista che estraesse un dente senza anestesia); anche le conseguenze fisiche o morali che il dolore suddetto potrà provocare al neonato non sono dimostrabili, dunque il livello di vigilanza rischia di diminuire

4. Alla scarsa capacità di sopravvivere che culturalmente attribuiamo al neonato, specialmente al prematuro, si associa anche una scarsa “umanità”. In altre parole, non ci si vuole affezionare al neonato e per questo non lo si tratta completamente da persona, la quale ha diritto a tutti i comfort, come ogni altro. Ci si limita, e questo è già un buon passo, a curarlo, ma ancora i passi da fare per passare dalla “cure” alla “care” sono tanti. Eppure sappiamo che una cura umanizzata, in particolare centrata sulle esigenze del singolo neonato e della sua famiglia, non solo costituiscono un modo etico di procedere, ma riducono il danno cerebrale5.

Empatia: per curare correttamente bisogna in parte immedesimarsi nel malato. Questo è particolarmente difficile nel caso del paziente preverbaleTutti questi ostacoli vanno vinti e oggi abbiamo gli strumenti per farlo. Trincerarsi dietro l’idea che il dolore non sia trattabile significa vivere la preistoria della neonatologia e non fare gli interessi del paziente.Continua a leggere qui.
 
 

Aggiungo la bella foto di una bimba che alla nascita pesava appena 300 grammi, con la domanda accorata del neonatologo: Volete bloccare la medicina che aiuta i piccolissimi?

 

Annunci

10 commenti »

  1. veramente incredibile come oggi giorno la medicina si sia sviluppata,meglio cosi’ .io sto per fare una tesi sul dolore nel neonato e questo articolo mi ha colpito molto.

    Commento di Emerenziana — 10 settembre 2008 @ 12:00 | Rispondi

  2. veramente incredibile come oggi giorno la medicina si sia sviluppata,meglio cosi’ .io sto per fare una tesi sul dolore nel neonato e questo articolo mi ha colpito molto.
    grazie .Emy

    Commento di Emerenziana — 10 settembre 2008 @ 12:01 | Rispondi

  3. Grazie Emy,
    è una realtà terribilmente vera, ma poco presa in considerazione.

    Auguri per la preziosa tesi!

    Commento di Anna/Violaine — 10 settembre 2008 @ 14:22 | Rispondi

  4. HO TROVATO MOLTO INTERESSANTE L’ARTICOLO DI BELLIENI. LAVORO DA 19 ANNI CON I NEONATI E MI APPASSIONANO SEMPRE DI PIU’SONO MOLTO SENSIBILE ALLA PERCEZIONE DEL DOLORE NEL BAMBINO OSPEDALIZZATO. STO’PER FARE UNA TESI SUL DOLORE IN NEONATOLOGIA E SUI METODI UTILIZZATI PER IL RILIEVO DEL DOLORE.SE QUALCUNO HA MATERIALE INERENTE O TESI SIMILI ED E’ DISPONIBILE AD AIUTARMI PUO’CONTATTARMI alexcosta2008@libero.it GRAZIE.

    Commento di ALESSANDRO — 9 febbraio 2009 @ 20:00 | Rispondi

  5. ciao sono Emy,
    una studente di infermieristica ,sto facendo la tesi sul dolore del neonato ,sto cercando del materiale ,potete essermi d aiuto ?questa e’ la mia e mail emy_37@libero.it

    grazie mille veramente.
    Cordiali saluti.Emy

    Commento di emy — 12 maggio 2009 @ 23:57 | Rispondi

  6. Salve mi chiamo Gianluca sono un infermiere che lavoro da circa 9 anni presso l’U.O. di terapia intensiva neonatale presso l’Ospedale Meyer volevo sapere qualcosa in piu sul pianto del neonato-prematuro
    Domanda il neonato ha dolore?.

    Commento di Gianluca Salemi — 15 dicembre 2009 @ 18:33 | Rispondi

  7. Qui si può leggere l’intervista al neonatologo Carlo Bellieni: http://www.ilsussidiario.net/articolo.aspx?articolo=54906

    Commento di Anna — 15 dicembre 2009 @ 21:49 | Rispondi

  8. aiuto …cerco materiale sul dolore nel neonato…o tesi da consultare …sono una studente in scienze infermierstike….grazieeeeeee……help

    Commento di emerenziana — 12 luglio 2010 @ 21:57 | Rispondi

  9. It’s a shame you don’t have a donate button!
    I’d definitely donate to this excellent blog! I suppose for now i’ll settle
    for book-marking and adding your RSS feed to my Google account.
    I look forward to fresh updates and will talk about this website with my Facebook group.
    Talk soon!

    Commento di Softball Custom Shirts — 7 maggio 2013 @ 02:17 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: