Lettere Al Futuro

26 marzo 2008

LE ULTIME LETTERE DAL FRONTE

Filed under: Lettere — annuska62 @ 23:33

Proprio oggi La Repubblica  riportava ” Iraq le ultime lettere dal fronte”, una serie di lettere-testamento di alcuni soldati americani  in Iraq. Questa lettura mi ha procurato un’angoscia incredibile,e mi ha riportato indietro negli anni quando contestai mio padre e lo accusai di “collaborazionismo” durante la  seconda guerra mondiale.

Ora a distanza di anni mi pento delle mie  affermazioni, soprattutto leggendo la lettera che inviai per fargli ottenere una pensione ed un risarcimento per 10 anni di militare e di guerra e per gli anni trascorsi in prigionia nel campo di concentramento di WIETZENDORF.

Durante gli anni della contestazione non potevo sopportare che mio padre avesse trascorso 10 anni , dai 19 ai 29, ”rapito” prima dal militare e poi dalla guerra. Non capivo la sua incapacità di ribellarsi e lo aggredivo dicendogli  “Perchè non hai disertato, perchè non sei fuggito con i partigiani, invece di farti internare nel campo di concentramento”. Lui disperso nei ricordi, mi diceva solo poche parole: “IO VOLEVO VIVERE E RITORNARE A CASA”.

 Quanti anni sono trascorsi da quelle testimonianze. Quanti anni di incomprensioni.

 Mi raccontava di come, per sopravvivere nel campo di concentramento, lavorava come calzolaio, per poter ottenere qualcosa da mangiare, di come si ingegnò per salvare suo cugino, facendo passare, pure lui per un bravo calzolaio (uno che le scarpe le aveva viste solo ai piedi), di come  entrambi con l’incoscienza e con l’ardore dei latin- lover italiani si dedicarono a “ trastullarsi “ e imboscarsi con le mogli  delle SS , per un pezzo di pane e  per qualche sigaretta . Solo adesso riesco a capire le sue parole, quando mi diceva: “Sai non esistono gli eroi. Io non sparavo , dovevo pensare solo a salvarmi”

 La sua ribellione è stata proprio questa: la sua volontà di non uccidere, quella di cercarsi un rifugio nel ventre della terra che lo potesse salvare, quella di amare le donne dei suoi aguzzini lasciandoli  magari il suo seme come ricordo. Quella di voler ritornare a casa ad ogni costo senza però pagare il prezzo più alto :UCCIDERE UN SUO SIMILE.Gli anni passano, i  miei bollori rivoluzionari si sono attenuati , e lui ormai non c’e’ più. Vorrei ricordarlo con le sue  parole “LA GUERRA E’ UNA COSA SPORCA, NON ESISTONO GUERRE BUONE. NON ESISTONO EROI, ESISTE SOLO LA VOGLIA DI RITORNARE A VIVERE”

CIAO PAPA’

Annunci

1 commento »

  1. Per la stessa contestazione, verso la stessa persona che tu più di me hai potuto e saputo godere. So che avevamo ragione e so anche che lui non poteva fare di più e ne meglio di così, a lui sono stati rubati gli anni più belli e forse con questi gli sono stati cancellati i ricordi che avrebbe dovuto raccogliere nel suo futuro. Quanto male fa una guerra nel passato e nel futuro di un essere umano e quanto male fa anche a chi gli sta vicino, ma almeno a noi è stato concesso la libertà e la forza per poter fare qualcosa di più che sopravvivere e probabilmente lo dobbiamo a lui e a chi come lui ha sofferto un simile oltraggio.
    Sì ciao papà
    Ross

    Commento di Rossaura — 30 marzo 2008 @ 20:29 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: