Lettere Al Futuro

20 maggio 2008

23 contro 1a. La nostra sconfitta…….

Filed under: giovani — annuska62 @ 21:47

Proprio oggi, ho ricevuto l’invito di scrivere un pezzo sull’educazione che noi genitori forniamo ai nostri figli. All’inzio ero molto restia, ma ascoltanto la notizia di questa sera di una violenza perpetrata, per piu’ di un anno, su una ragazzina di 14 anni, da parte di un branco di 23 ragazzini minorenni, ho pensato che forse era giunto il momento che ognuno di noi si faccia un esame di coscienza , e affronti senza alcuna reticenza quale educazione  e quali valori offre al proprio figlio/a . Il compito del genitore e’ sempre stato considerato il piu’ difficile, proprio perche’ il nostro modo di essere, purtroppo viene trasmesso ai nostri eredi. L’intenzione di noi tutti e’ di creare una persona perfetta, una persona che pero’, in fonfo in fondo ci assomigli, che anzi riesca dove noi abbiamo fallito.  Ieri in risposta ad un post di Adriano che troverete in https://letterealfuturo.wordpress.com/2008/05/19/i-nostri-bambini-sono-mediamente-di-alessandra-graziottin/

fornivo la mia visione di educazione, dove  putrtroppo, forse sbagliando,  l’autorita’ prendeva il sopravvento su un’educazione piu’ libera  e  dove l’adulto era più presente o forse  parte più  determinante  dello sviluppo educativo del figlio. Mi chiedo analizzando le notizie degli ultimi giorni, cosa e dove stiamo sbagliando. E’ possibile che noi, esseri capaci di analizzare situazioni internazionali e nazionali, situazioni politiche ed economiche, non riusciamo ad insegnare i principi fondamentali, della convivenza fra simili, ai nostri figli? E’ possibile che ogni nostro valore sia dimenticato, sia spezzato, sia infranto in ogni situazione, solo a favore della violenza e della prevaricazione di ogni tipo.E’ possibile che ad un ragazzino non riusciamo a fargli dimenticare gli istinti primordiali del branco, a fargli rispettare una donna in quando essere simile a lui.E’ possibile che a queste ragazzine non riusciamo a togliere la paura di essere prede, di infondere fiducia e rispetto per se stesse? Forse qualcuno si sara’ gia’ stancato/a di ascoltare tutto questo, ma come potra’ essere sicuro/a, che domani, non parleremo proprio di suo figlio?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.