Lettere Al Futuro

2 giugno 2008

E’ difficile fare le cose difficili……..

Filed under: Lettere — rossaurashani @ 13:19

Lettera ai bambini

E’ difficile fare

le cose difficili:

parlare al sordo,

mostrare la rosa al cieco.

Bambini, imparate

a fare le cose difficili:

dare la mano al cieco,

cantare per il sordo,

liberare gli schiavi

che si credono liberi.

Gianni Rodari

Leggendo sul blog di riciardengo http://riciardengo.blogspot.com/2008/06/ho-trovato-questa-poesia-su-questo-sito.html ho trovato questa poesia, colta da un altro blog, il testo è di denuncia contro il lavoro minorile, causa onorevolissima che ci coinvolge sia per quanto riguarda i paesi più poveri del nostro, ma anche il nostro e forse non ce ne rendiamo neanche conto.

Il valore di questa poesia però non intendo distribuirlo a cause importanti e diverse da quello che l’autore gli attribuiva: un messaggio educativo ai bambini.

E’ sempre difficile fare le cose difficili, sia che siamo adulti sia che siamo bambini, e Rodari ha scritto una lettera aperta anche alle nostre coscienze.

 

Annunci

4 commenti »

  1. Bella, bella, bella!
    Gianni Rodari è uno che sa parlare al di là delle parole. Spesso, incontrando magari una persona pittoresca, mi tornano in mente i versi delle sue filastrocche.
    E’ da bambini che dobbiamo imparare a fare le cose difficili: poi quando saremo cresciutelli le nostre coscienze non riusciranno a dimenticare. Comunque anche da genitori dobbiamo “imparare” più che “insegnare”!

    Commento di abdita — 2 giugno 2008 @ 15:23 | Rispondi

  2. La poesia di G. Rodari è veramente significativa, approfitterò dell’imput per insegnarla ai miei bambini di Scuola dell’Infanzia “R. Carrieri” in occasione della Giornata dei Diritti del prossimo 20 Novembre 2009

    Commento di Angela — 12 novembre 2009 @ 16:09 | Rispondi

    • qualcuno mi puo spiegare meglio il significato di questa bella poesia? per esempio mon mi è chiaro “cantare per il sordo”, l’ho mandata ai miei nipotini ma non sono in grado di spiegarla grazie

      Commento di rossella — 13 novembre 2009 @ 06:52 | Rispondi

      • Suppongo che tra le cose più difficili ci sia quella di far vedere qualcosa ad un cieco e parlare ad un sordo. Ovviamente come soluzione si può dare la mano ad un cieco ma per il sordo che di conseguenza è anche muto non si può che cantare al posto suo. La questione è che per diventare dei “giusti” bisogna abituarsi alle cose difficili e tentare di agire senza rispamio gi energie e genialità.
        Almeno così io la interpreto. 🙂
        Ciao Ross

        Commento di luciindescai — 13 novembre 2009 @ 15:12


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: