Lettere Al Futuro

3 luglio 2008

Al mio vecchio bambino cresciuto

Filed under: Canzoni,giovani,Lettere — rossaurashani @ 16:52

5 luglio 2008

Caro Marco,

sono passati 24 anni dal giorno che entrata in ospedale, ho cercato di dare il meglio di me, con difficoltà s’intende, ma ci sono riuscita sei nato tu.

Quello che è stata la mia vita dopo è un’avventura da raccontare, ma forse non riuscirò a raccontarla mai, un pò per pudore e un pò per troppa emozione. Però tu sei qui, e questo è tutto quello che importa. Lo so che le mamme guardano i loro figli e credono di avere dei gioielli, ma io non sono Cornelia e tu non sei un Gracco, sei un ragazzo normale, oddio… non proprio elegante, non proprio bello, non proprio ordinato, un pò fuori forma, ma dalla vita non si può avere tutto 😉 .

Quello che sei lo so solo io che da sempre ti guardo, spiando dalla porta socchiusa della tua vita. Rido con te, piango con te, tremo con te, amo con te… ma sono la tua mamma e non te lo posso dire.

Ti chiederai perchè questa musica e perchè questo video…. o forse non te lo chiedi affatto, accetti di me anche le piccole stranezze che mi contraddistinguono, o forse dentro di te sai e conosci la ragione di un discorso che fra di noi non si è mai interrotto anche nel silenzio, anche nella lontananza, anche nella perdita.

L’Irlanda e l’amore che ci lega a questo paese, il tempo passato e le speranze per il futuro…. goditi questa musica, goditi i tuoi anni migliori, non fermarti di fronte agli ostacoli, ma conduci con te tutto quello che vale ed è importante, segui la tua strada e non disperare, il tempo è dalla tua parte, la forza, mio piccolo jedi, è con te, è dentro di te……

Io sono la tua mamma orgogliosa, la tua colonna, il tuo bastone a doppio uso se mai servirà, la tua voce se mai ti mancherà, il tuo coraggio se mai verrà a meno, sono la tua casa, il tuo ritorno, il focolare, la tua radice, la tua acqua e il tuo fuoco, la tua medicina, la tua speranza, la tua maestrina, il tuo carabiniere, sono tutte le cose che lasci ed io raccolgo, sono la tua soffitta, i tuoi ricordi antichi,  la tua memoria, sono il calore e l’amore per sempre (finchè vivrò e oltre), mi troverai nei vecchi dischi, in tanti discorsi, nei rimproveri che farai ai tuoi figli, nelle carezze che darai e nei baci che dispenserai con il tuo fare gentile…. sarò il tuo nido ma anche il tuo uragano quando saprai di trovarti di fronte all’ingiustizia e di non poterla sopportare, sarò il tuo giudice , lo stimolo, la condanna e il perdono, avrò grandi braccia per stringerti anche se non lo farò quasi mai.

Credo di averti consegnato il testimone e di sapere che è in buone mani, so che sei generoso, delicato, gentile ed affettuoso, so che ami la giustizia e non ti bastano le risposte “qualunque“, so che hai una testa dura, ma che funziona alla perfezione, non farti cambiare dalla vita, anzi come dice Vasco “cambiala tu” se puoi. Io ti sarò vicino anche se non mi vedrai……. solo quanto basta, solo per quel che serve.

Auguri piccoletto, ma come dice la pubblicità, ricorda: solo io posso chiamarti così….

Mamma

Annunci

11 commenti »

  1. Ecco, tra dieci anni voglio scrivere anche io una lettera così: auguri a Marco e alla sua tostissima mamma, perchè il compleanno di un figlio è la data di un grande successo di una donna.

    Mt

    Commento di mt70 — 3 luglio 2008 @ 20:47 | Rispondi

  2. Quante corde sai toccare col tuo amore di mamma! Grazie e tantissimi auguri al tuo Marco.

    Commento di abdita — 4 luglio 2008 @ 01:55 | Rispondi

  3. auguri!!!

    Commento di marisauno — 4 luglio 2008 @ 08:03 | Rispondi

  4. @ per le mie amiche blogger

    Ringrazio per le parole gentili che riservate a me e per gli auguri al mio ragazzo. E’ vero il compleanno di mio figlio mi ringiovanisce di anno in anno, mentre il mio purtroppo no. 🙂

    E’ molto bello vivere questi sentimenti, è vitale ed elettrizzante, nessuno mi sa dare forza e voglia di vivere quanto lui. Ma è evidente che tutte voi mi capite completamente.
    Grazie
    Ross

    Commento di rossaurashani — 4 luglio 2008 @ 11:55 | Rispondi

  5. E’ un ragazzo fortunato.
    Ha una mamma come te 🙂
    Auguri Marco e non fare troppi casini che poi la vecchietta si inc… 😛

    Commento di Audrey — 5 luglio 2008 @ 17:10 | Rispondi

  6. Beh, devo aggiungere anch’io i miei auguri e, se si trovasse davvero da queste parti come intuisco (forse male ;)), Ross dagli pure il mio contatto non si sa mai. Anche se forse preferisce compagnia più giovane 😀
    Un abbraccio a te Ross

    Commento di Martina — 7 luglio 2008 @ 13:58 | Rispondi

  7. @ a Audrey

    Ma guarda un pò che amica…. mi chiama vecchietta solo perchè ho una barca di anni più di lei… 😉 ma fra poco avrò una rivalsa che tu posti o no anch’io conosco la data di un compleanno e mi vendicherò consigliandogli di chiederti un canarino come regalo di compleanno.

    @ a Martina

    Per fortuna non sta in Irlanda in questo periodo, ma è abbastanza girovago lo stesso. L’Irlanda è un amore che abbiamo condiviso sia con suo padre, che oggi non c’è più, sia successivamente. Amare il paese dove abiti non è una grande fatica: è un’isola, c’è il mare, c’è una musica che mi piacce e la solitudine è una scelta, ma anche la gente e straordinaria almeno per quel po’ che li conosco. Ma tu come mai in Irlanda? So che c’è un marito e dei figli ma questi ultimi sono più italiani o irlandesi?
    Grazie degli auguri
    Ross

    Commento di luciindescai — 7 luglio 2008 @ 14:41 | Rispondi

  8. Sono tutti Irlandesi a casa mia, Ross, io sono in minoranza! I miei figli spesso si dimenticano del loro 50% genetico Italiano… L’Irlanda purtroppo è un po’ cambiata negli ultimi anni, ed è diventata un po’ troppo consumista. Però d’estate sto bene qui, non c’è ressa e non c’è caldo. Se mai ripassi da queste parti, fammi un fischio 😉
    Un abbraccio
    Martina (da Cork)

    Commento di Martina — 7 luglio 2008 @ 15:39 | Rispondi

  9. @ Vero anch’io ho constatato una certa differenza tra 17 anni fa e l’ultima volta che ci sono stata, ma mi piace ancora molto, ci sono tante cose che sono sparite, e comodità che sono apparse, maè un paese che ha diritto di evolversi per tutta la fame e le difficoltà che ha dovuto passare.
    Mi piacerebbe avere una famiglia irlandese, nessun rosso di malpelo in casa? Pensa che a casa mia siamo in 4 rossi, due fratelli, io e mia sorella e nessun parente irlandese 🙂
    Se ripasso sta certa che ti informo, la zona di Cork non l’ho visitata, ma la prossima volta mi occupo anche della costa a sud est di Dublino lo prometto.
    Grazie e un abbraccio anche da parte mia
    Ross

    Commento di rossaura — 7 luglio 2008 @ 17:32 | Rispondi

  10. Ross, ho sempre pensato che lo stereotipo dei rossi irlandesi sia un po’ un’esagerazione… ne conosco pochissimi! No, in casa tutti bruni, tranne la figlia sul biondo-miele 😉
    P.S. Cork e West-Cork sono meglio di Dublino! Detto con grande campanilismo 😀
    Un saluto

    Commento di Martina — 10 luglio 2008 @ 14:00 | Rispondi

  11. Eccomi qui di ritorno dall’Irlanda, un grande abbraccio al mio nipotino e conserva bene la mamma, perchè altrimenti potresti finire con me, e non credo ti andrebbe troppo a genio.
    Un bacio a Marco, ovviamente sono sempre in ritardo

    Commento di annuska62 — 15 luglio 2008 @ 00:37 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: