Lettere Al Futuro

6 settembre 2008

Morte ala squola publica itagliana…..

Filed under: 1 — rossaurashani @ 08:56

Settembre tempo di tornare a scuola….

Bimbi, ragazzini, ragazzi, giovani e genitori sono alle prese con il rientro scolastico, con le spese per libri e tasse scolastiche, con gli esami di recupero, con i pagamenti degli insegnanti che hanno fatto ripetizione, con grembiulini, zainetti e quant’altro.

Direte voi: “Un periodo di entusiasmi, ansie, preoccupazioni no? Ma è sempre stato così! Oppure no?” Onestamente direi che ora la questione è che siamo pienamente sull’oppure no che avete citato.

130.000 gli insegnanti tagliati, chi lascia la scuola non verrà sostituito, chi sarà malato o assente per un lungo periodo non avrà supplente, si tornerà al maestro unico (e gli altri dove vanno a finire?), si accorperanno le classi, allievi inscatolati come sardine,  pochissime risorse alle scuole, ognuno faccia da sè. Lo Stato ha chiuso i cordoni della borsa, l’istruzione e la cultura vengono bocciate, nessun corso di recupero per tutti gli studenti, facciano da sè, usino la televisione ed internet per imparare, frequentino la scuola privata oppure i tutor all’inglese.

Grande dimostrazione di civiltà l’auspicato ritorno alla scuola di classe? I ricchi vanno a scuola e i non ricchi invece a squola. L’Università a numero chiuso, oppure così “cara” da non consentire a chi non arriva a sostenersi fino alla fine del mese di mandarci i figli: iscrizioni, materiali, testi e spesucce per il mantenimento di un figlio fuori sede…. ora davvero si può dire: ” studia solo chi può ” mica tutti, e che è … non siamo mica un paese dei balocchi siamo in Itaglia se ve ne siete accorti.

Sarà un autunno caldo? Credo che, se lo sarà , dovremo dare la colpa ad un tempo meteorico clemente, ad un’estate che si prolunga non ad una giusta rivendicazione popolare nei confronti di un governo che sta ricostruendo questo nostro povero Paese in un puzzle incomprensibile. Non odo nessun grido scandalizzato, non vedo nessun volto preoccupato, vedo solo il disinteresse, la rassegnazione o il compiacimento per la realizzazione  di un metodo che soddisfa solo il cieco e bieco qualunquismo e “luogocomunesimo” che imperversa (insegnanti = fanulloni, andate a lavorare davvero!).

Insegnanti malpagati chi credete di essere? Pensate davvero di essere il fulcro della conoscenza? Siete così certi che ci sia un valore in quello che fate? Calciatori dovevate diventare. Avreste guadagnato un sacco, avreste scritto libri, vi avrebbero osannato…. un calcio alla cultura e uno al sapere… nessuno si stupirebbe se non sapete parlare, se siete tonti, se non capite un’acca di niente, a voi basterebbe ragionare con i piedi non si chiederebbe niente di più.

Finalmente potrà campeggiare sui muri la scritta: M LA SQUOLA ITAGLIANA senza che a nessuno venga in mente che quella scritta a qualcuno dà fastidio, non solo perchè sta imbrattando un muro della città, ma perchè c’è qualcosa d’altro che non va.

E come dice Carlo: Buon tutto a tutti!

Post suggerito dall’articolo su Dazebao Gelmini taglia la scuola

Annunci

6 commenti »

  1. Ross, quando si danno accettate alla pubblica istruzione, è la fine della civiltà. L’ho già commentato in molti blog ma non mi stanco di ripeterlo. In tutt’Europa si va verso il miglioramento della publica istruzione (che, va detto. è un sistema disastrato in tutto l’occidente e che abbisogna serio ed urgente ristrutturamento) e, paradossalmente, tra i paesi che si prendevano come modello c’era proprio l’Italia, con il famoso progetto Reggio Emilia, il tempo pieno, le classi di venti alunni, gli insegnanti multipli.
    Adesso l’Italia ha perso anche questo ultimo primato all’estero, grazie a Gelmini.
    Maria Montessori si sta rivoltando nella tomba.

    Commento di Martina — 6 settembre 2008 @ 16:06 | Rispondi

  2. Cara Martina ritenendo al primo posto l’Istruzione pubblica a parimerito con la Salute pubblica, ogni discorso che viene fatto con l’intento di rendere “economicamente vantaggiosa” una di queste due importantissime e determinanti necessità mi vede veramente incavolata nera. Ma la cosa che più mi sconvolge è che nessuno ci fa caso, non c’è nessuna reazione, elettroencefalogramma piatto…. anzi in qualche caso qualche cenno di assenso…. magari se risparmiamo possiamo comperarci qualche borsetta di Gucci in cambio. 😦

    Commento di rossaura — 6 settembre 2008 @ 18:05 | Rispondi

  3. Ma se tutti vanno all’universita’, se tutti studiano, chi mai vorra’ fare la valetta, il calciatore, l’idiota in TV?

    Commento di annuska62 — 6 settembre 2008 @ 23:31 | Rispondi

  4. Qualche idea per fare meglio?

    http://giosby.splinder.com/post/18042627/La+scuola+ricomincia+tra+un+me

    Ssisssissssìììììì

    Ssssssssssssssssssembrrrrrrrrafacile …

    Commento di giosby — 7 settembre 2008 @ 09:43 | Rispondi

  5. Non abbiate paura con questo governo le cose rimarranno come sono.
    L’unica cosa che succedera’ e’ che saranno adeguati gli stipendi degli insegnanti italiani a quelli europei.
    Brava Gelmini ,perche’ i suoi colleghi dei ministeri economici e del lavoro non si occupano di adeguare gli stipendi degli operai e degli ingegneri italiani a quelli europei.

    Commento di renzo — 7 settembre 2008 @ 11:25 | Rispondi

  6. :((((((
    Ho tre bimbi piccoli, confermo che purtroppo ci sono dei genitori contenti del voto in condotta e del maestro unico… meno libri nello zaino, dicono…
    già, e anche minori competenze e opportunità per i ns figli, aggiungo
    sono esterrefatta da costoro, il lavaggio del cervello è incessante.
    :(((((((((((

    Commento di marisauno — 8 settembre 2008 @ 16:27 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: