Lettere Al Futuro

4 dicembre 2011

Venezia e la Palestina

Filed under: comunicazione,DemocraziaAlFuturo,politica,PuntoD'Incontro — annuska62 @ 22:38

A Venezia dal 2/12/2011  sarà presentata la mostra Disorder Post Traumatic Stress i bambini disegnano il conflitto

organizzata dal gruppo RESTIAMO UMANI CON VIK

Sarà un’ occasione per non dire   “IO NON C’ERO, IO NON SAPEVO” (Egidia Beretta Arrigoni)

Annunci

28 novembre 2011

29/11/2011 Giornata Internazionale di solidarietà con la Palestina

Filed under: comunicazione,DemocraziaAlFuturo,politica,PuntoD'Incontro — annuska62 @ 16:51

Una nuova iniziativa del gruppo Restiamo Umani con Vik e Ca’ Tron Città Aperta

VENEZIA

         TRIBUTO A VITTORIO ARRIGONI

22 novembre 2011

GIORNATA ONU PER I DIRITTI DEL POPOLO PALESTINESE

Filed under: DemocraziaAlFuturo,politica,PuntoD'Incontro — annuska62 @ 14:02

Sabato 26 novembre 2011 a BULCIAGO (LECCO) –  Programma                        

GIORNATA ONU PER I DIRITTI DEL POPOLO PALESTINESE

Campagna ponti e non muri Pax Christi Italia – Associazione per la Pace

ASSETATI DI GIUSTIZIA

acqua e vite rubate da Gaza alla Valle   del Giordano

ricordando Vittorio Arrigoni

sabato 26 novembre – Bulciago (Lecco)

PROGRAMMA

Mattino

ore 9.30 accoglienza. Saluti e presentazione della giornata.

ore 10.00 – 13.00

L’acqua rubata nella Valle del Giordano

Tra colonizzazione, furto della terra e dell’acqua: cos’è oggi la splendida Valle del Giordano?

LUISA MORGANTINI già vicepresidente Parlamento europeo

Testimonianze

ñ Una carovana contro il muro dell’acqua CINZIA THOMAREIZIS Comitato italiano Contratto mondiale sull’acqua

ñ Boicottare per r-esistere STEPHANY WESTBROOK attivista BDS

ñ Espropriazione e sfruttamento. Rapporto B’TSELEM Gruppo GIOVANI JABBOK

Dibattito

ore 13.00- 14.30 Pranzo presso l’oratorio di Bulciago

Pomeriggio

ore 14.30 – 17.30

Acqua dolce e acqua salata a Gaza.

Vivere e sopravvivere sotto embargo

La solidarietà viene dal mare: i pescatori di Gaza e la Freedom Flotilla

MARIA ELENA DELIA coordinamento italiano Freedom Flotilla

Testimonianze

ñ Vittorio, uomo di terra e di mare. Di Gaza EGIDIA BERETTA ARRIGONI

ñ Una Striscia contaminata dalla terra all’acqua GIUDITTA BRATTINI Gazzella Onlus

ñ La controinformazione di Vittorio. Quando l’occupazione punta al silenzio MARCO BESANA

ñ Parole in dramma. L’orrore quotidiano nella denuncia di Vittorio. Con la voce degli AMICI DI VIK

Dibattito

Conclusioni previste per le 17.30

INFORMAZIONI: assetatidigiustizia@gmail.com AGGIORNAMENTI:   www.paxchristi.it

DOVE A BULCIAGO-LECCO, scuola elementare don Lorenzo Milani, via Roma 1.

COME ISCRIVERSI Inviare i dati personali a

assetatidigiustizia@gmail.com

ALL’ACCOGLIENZA verranno chiesti 5 euro per contributo organizzativo e per la CARTELLINA

IL PRANZO E’ possibile prenotare entro il 20 novembre via mail il VASSOIO-PASTO CALDO che si pagherà all’accoglienza (8 Euro) e che verrà servito nei locali dell’Oratorio. Qui è possibile anche consumare il proprio PRANZO AL SACCO.

COME ARRIVARE. Bulciago è facilmente raggiungibile sia in auto che in treno (Milano centrale – Lecco – stazione di Cassago-Nibionno-Bulciago). La sede del Convegno è a 10 minuti dalla stazione.

EVENTUALE PERNOTTO. E’ possibile contattare direttamente: www.lavillaciardi.com oppure www.hotelarrigoni.it

9 giugno 2011

4 SI’ “per quelli che passeranno”

Filed under: politica — mikelogulhi @ 11:21
Tags: , , , ,

Dicono che il tempo cambi le cose,
ma in realtà le puoi cambiare solamente tu.
(Andy Warhol)

15 aprile 2011

Innamorato della Palestina

Filed under: adulti,comunicazione,DemocraziaAlFuturo,giovani,lettera,politica — annuska62 @ 09:02

Innamorato dalla Palestina

I tuoi occhi sono una spina nel cuore
lacerano, ma li adoro.

Li proteggo dal vento
e li conficco nella notte e nel dolore
cosi la sua ferita illumina le stelle,
trasforma il presente in futuro
più caro della mia anima.

Dimentico qualche tempo dopo
quando i nostri occhi si incontrano
che una volta eravamo
insieme, dietro il cancello.

Le tue parole erano una canzone
che io tentavo di cantare ancora,
ma la tribolazione si era posata
sulle fiorenti labbra.

Le tue parole come la rondine
volarono via da casa mia
volarono anche la nostra porta
e la soglia autunnale
inseguendo te,
dove si dirigono le passioni ….
I nostri specchi si sono infranti
la tristezza ha compiuto 2000 anni,
abbiamo raccolto le schegge del suono
e abbiamo imparato a piangere la patria.

La pianteremo insieme,
nel petto di una chitarra;
la suoneremo sui tetti della diaspora
alla luna sfigurata ed ai sassi.

Ma ho dimenticato,
oh tu dalla voce sconosciuta !
Ho dimenticato,
è stata la tua partenza
ad arrugginire la chitarra,
o è stato il mio silenzio ?

Ti ho vista ieri al porto
viaggiatore senza provviste … senza famiglia.
Sono corso da te come un orfano
chiedendo alla saggezza degli antenati:
perché trascinare il giardino verde
in prigione, in esilio, verso il porto
se rimane, malgrado il viaggio,
l’odore del sale e dello struggimento,
sempre verde?

Ho scritto sulla mia agenda:
amo l’arancio e odio il porto,
ho aggiunto sulla mia agenda:
al porto mi fermai
la vita aveva occhi d’inverno,
avevamo le bucce dell’arancio
e dietro di me la sabbia era infinita!

Giuro, tesserò per te
un fazzoletto di ciglia
scolpirò poesie per i tuoi occhi
con parole più dolce del miele
scriverò “sei palestinese e lo rimarrai”

Palestinesi sono i tuoi occhi,
il tuo tatuaggio
Palestinesi sono il tuo nome,
i tuoi sogni
i tuoi pensieri e il tuo fazzoletto.
Palestinesi sono i tuoi piedi,
la tua forma
le tue parole e la tua voce.

Palestinese vivi, palestinese morirai.

MAHMUD DARWISH

Caro Vik, queste sono le parole che ti ho dedicato per il  tuo compleanno, e con queste parole voglio salutarti e ringraziarti  per tutto quello che hai fatto

Un uomo di pace non si può ne’ assassinare, ne’ annientare perchè è così grande la forza del suo pensiero, che schiaccerà per sempre i suoi assassini 

                                                   RESTIAMO UMANI!

9 ottobre 2010

Io ci credo ancora, la nostra ribellione è ….. MANIFESTAZIONE!

by Biri

 

 Possiamo ancora credere ai cambiamenti?????

Io penso proprio di sì!

Proprio ieri si è svolto, in tutte le città d’Italia, uno sciopero studentesco dove, solo in Veneto, hanno manifestato oltre 40.000 studenti, che scendendo in piazza, hanno protestato contro i tagli alla scuola e alle terribili conseguenze createsi. La decisione sulla mia presenza o meno a questa manifestazione è stata presa assieme a delle amiche. Discutendone, è venuto fuori che a nessuno importerà nulla se noi facciamo sciopero, poichè nulla cambierà mai. A questa loro affermazione non ho potuto che obbiettare dicendo: “Perchè proprio noi, che siamo il futuro di questo mondo, come d’altra parte dicono sempre tutti, dovremmo sottostare a un governo e a delle leggi ingiuste che a poco a poco ci tolgono il diritto allo studio? Solo continuando a lottare per i nostri diritti potremo vincere le nostre battaglie!  ”

La nostra decisione allora è stata unisona: presenza, costanza e ribellione. 

Ci siamo presentate puntuali alla manifestazione e aggregandoci alla nostra scuola, abbiamo cominciato a manifestare.

Devo dire che lottare, per risolvere le nostre problematiche, non solo ti fa sentire forte, ma anche libera: la tua voce, aggiunta a tutte le altre, ti rimbomba dentro e la convinzione di essere nel giusto cresce. La soddisfazione nel vedere che oltre a te, tanti sono gli studenti che protestano, mi fa pensare che il cambiamento ci potra’ essere. Immagino, che grazie  a noi, a quelli che poco prima, molti definivano “scarti” della socetà,

il mondo possa diventare migliore.

 

 

 

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  

3 febbraio 2010

Brunetta Sindaco lo vogliamo: NO!

Filed under: politica — annuska62 @ 22:24

 

Brunetta Sindaco lo vogliamo   NO!

Brunetta Sindaco lo vogliamo   NO!

Perchè l’è il simbolo dell’arrivismo, Brunetta Sindaco lo vogliamo: NO!”

Questa libera interpretazione delle Tre Bandiere, mi si è  incastrata nella mente quando, questa mattina andando al lavoro, ho visto  la migliore e più opportuna ubicazione della campagna elettorale di Renato Brunetta.

Trovo geniale proporre l’immagine del candidato ex PSI ora “riciclato” nel PDL,  nell’oggetto riservato al riciclo: il Cassonetto.

9 giugno 2009

Io ricordo Enrico

Filed under: DemocraziaAlFuturo,giovani,politica,PuntoD'Incontro — rossaurashani @ 09:01

enrico

11 giugno 1984

Dopo pochi giorni è nato mio figlio. Era troppo vivo il ricordo di Enrico. Ci avevo pensato. Il nome glielo avrei anche dato, ma mi pareva troppo. Mi pareva indelicato.

Mi ricordo quel milione di persone che aveva affollato,in quel giorno di sole, le strade di Roma. Gente semplice, gente importante. Amici, conoscenti e popolo. Il rosso dominava. La commozione era forte e chiudeva le gole in silenzi imbarazzati.

Anche quella volta avevamo un grande Presidente, il più grande. Fumava la pipa e aveva visto una lunga vita. Lui ci ricordava la resistenza. Lui era commosso come tutta l’Italia.

Sono passati 25 anni. Mio figlio avrà 25 anni fra qualche giorno. Non si chiama Enrico solo perchè ho voluto che nessuno dei due si confondesse con l’altro. Oggi ricordo e penso se con lui a parlare a questo popolo disperso e avvilito, ci sarebbe potuto essere tanto scoramento. Avremmo avuto da subire ancora questa sconfitta di idee e valori.

La risposta io ce l’ho. Forse è solo un’idea balorda.  Forse è solo voglia di credere che la Storia avrebbe potuto essere diversa. Oggi quella storia me la racconto in silenzio, nei miei pensieri. Quella storia è andata perduta. Oggi è buio che promette il baratro. Quella invece  è fatta di sole e di bandiere che sventolano orgogliose del loro colore rosso. E’ fatta di popolo che fatica ma che sorride perchè sogna un futuro di pane e lavoro. E’ fatta di una moralità e correttezza che non lascia dubbi e che non cerca la via facile agli interessi personali. E’ fatta di comprensione e di progetti che raccontano anche la storia degli altri.

Ho visto il mio ragazzo, che non sa perchè non dovrebbe sapere, con le lacrime agli occhi a guardare il video del tuo funerale. Io riguardo ogni tanto il video del tuo ultimo discorso e non riesco mai ad arrivare alla fine. La tua fine, la nostra fine.

Io ricordo Enrico e mai come ora rimpiango.

2 giugno 2009

Grazie Nichi, finalmente qualcosa di sinistra è stato detto.

Filed under: politica — annuska62 @ 23:18

Questa sera in conferenza stampa per le Europee 2009, Nichi Vendola ha finalmente  parlato come un grande uomo di sinistra. Dopo tanto tempo il problema del  lavoro precario, il problema delle morti bianche, della impossibilita’ di sopravvivere ad una crisi così globale, economica e morale , sono stati sviscerati senza tanti moralismi e vecchie tattiche di mimetizzazione. Sono rimasta interdetta sentendo come Vendola ha esposto, in così poco tempo, una  così nitida ed espicita visione delle politica italiana, europea e americana, senza vecchi pregiudizi, ma pronto ad accogliere una visione più globale, non dimenticandosi mai che la forza di un paese è data dalla forza lavoro e che solo assicurando e garantendo  il lavoro si potra’ uscire dalla crisi.

Grazie, per aver ricordato a tutti, che siamo  sempre stati una nazione diversa da quella  “creata” da questo governo, grazie per aver parlato dei diversamente abili, della violenza sulle donne, delle classi più deboli, grazie per averci fornito questo nuovo “cantiere”, grazie per averci fornito  finalmente…… una nuova speranza.

sinistraelibertà

26 maggio 2009

QUALCOSA DI SINISTRA…..

Filed under: politica — annuska62 @ 21:58

Giovedì c’era un primo incontro politico di Sinistra e Libertà alla facoltà di Storia dell’Architettura a Venezia.

L’ incontro e’ andato deserto (forse perchè  qualcuno s’era dimenticato di pubblicizzare l’evento e la locandina era talmente ben mimetizzata che anche i 4 gatti si sono persi ) e tutto e’ finito con uno spritz al bar. Ho sperato di sentire “qualcosa di sinistra”, qualcosa che potesse  farmi sperare , ma ho scoperto che non sono stati i fascisti ad andare su Marte, ma  quelli di sinistra.Mai come adesso ho constatato l’incapacita’ della sinistra di arrivare alla base, gli intellettuali hanno saltato il fosso e lasciato i “poveri cristi” sprofondare nel pantano . Mentre li ascoltavo al bar, mi sembrava di rivivere il ruolo di  Nanni Moretti in “APRILE”, li guardavo con  la morte nel cuore, ma con l’ingenua speranza di vedere la sinistra rinascere dalla cenere (nuova Araba fenice) e finalmente riprendersi il proprio ruolo politico. Nulla  di tutto questo e’ successo, alla fine ci siamo ritrovati ancora una volta , troppo lontani da un progetto politico unitario e senza nessuna volontà  o capacita’ di riprendersi quello che abbiamo perso …… il proletariato.

 

p.s. Non me ne voglia il relatore S.S. ( ovviamente non sto parlando di  Sua Santità)

Caro Sandro io sono sicura che un giorno ci riusciremo, non so quando,non so dove….(intanto ho fatto un po di rifornimento di acqua di Lourdes, non si sa mai).

nuvolafuksas

Magari nel frattempo  scendiamo  dalla nuvola di Fuksas chissà che qualcosa di sinistra venga in mente pure a noi

 

AVANTI SEMPRE ……. A   SINISTRA!

 

Pagina successiva »

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.